IIS Tecnico Industriale Geometri

ITT in Gioco

Print Friendly, PDF & Email

Game developer….da passione a “professione”!

Gli studenti dell’Istituto Tecnico Tecnologico “Allievi- Sangallo”, nell’ambito del progetto “ITT in gioco”, hanno coltivato la loro passione per i videogame facendone una “professione” e diventando dei veri e propri game developer. Il gioco realizzato dai nostri alunni si è classificato al 3^ posto della fase provinciale del concorso Piano Nazionale Scuola Digitale 2018, promosso dal MIUR entrando così nella fase regionale (all’interno di #Futura Terni Umbria che si terrà dal 12 al 14 novembre a Terni).

Il videogioco è stato realizzato nell’ambito di un progetto più ampio ”A scuola da protagonista”  sovvenzionato dalle risorse dei Fondi Strutturali Europei con lo scopo di ridurre il fallimento formativo precoce e la dispersione scolastica attraverso la promozione del ruolo attivo degli studenti all’interno della scuola e, in proiezione, nella loro vita di adulti. I professori Baldoncini Marco e Mandolini Stefania unitamente al docente esperto Diego Falcinelli hanno seguito da vicino i 25 discenti suddivisi in vari team di lavoro nelle svariate fasi della creazione del prodotto ludico.

Gli alunni, provenienti dalle classi I alle classi V dei diversi indirizzi, nei numerosi incontri pomeridiani (60 ore), hanno messo a frutto le loro energie e la loro creatività confrontandosi, ascoltandosi reciprocamente, adattandosi e rivisitando i propri preconcetti sul progetto. Seguendo questo filone hanno ideato, progettato e realizzato in piena libertà ogni aspetto del videogame. L’autonomia è stata fondamentale anche per favorire il senso di responsabilità e l’interazione tra pari consolidando le capacità di apprendimento autonomo e di problem solving. La realizzazione del prodotto è stata particolarmente laboriosa e favorita solo ed esclusivamente in seguito all’acquisizione di competenze specifiche maturate grazie alle tecnologie digitali e ad uno studio e approfondimento di diverse discipline.

Il videogame 3D è stato realizzato utilizzando il giroscopio dello smartphone per la navigazione in realtà virtuale. Per tale progetto sono stati utilizzati software e prodotti gratuiti per poter fornire ai ragazzi strumenti da poter spendere anche al di fuori del progetto o del contesto scolastico.

La struttura del videogame:

L’obiettivo del gioco è quello di riportare il “soggetto B32”, protagonista del videogame, nella gabbia dove era stata rinchiuso per poterlo mostrare ai compagni di classe. Per riuscire nella loro missione ed uscire finalmente dalla scuola, gli alunni devono superare diverse prove, risolvere enigmi, decifrare codici, robot da montare, ingranaggi da far funzionare, modelli 3d da completare e sostanze chimiche da neutralizzare. Gli studenti non riusciranno ad uscire dalla scuola senza aver dato prova di tutte le competenze nei più svariati campi della scienza e della tecnologia.

Progetti futuri:

Un videogame si presta, per sua natura, a uno sviluppo pressoché infinito, per la potenziale aggiunta di livelli, situazioni, eccetera. La scuola prevede di continuare l’attività nei prossimi anni, sia per ampliare il gioco, sia per creare un gruppo stabile di lavoro che motivi gli studenti alla creatività, allo studio e all’imprenditorialità. L’obiettivo è di consolidare tale modalità di lavoro beneficiando anche della presenza di ragazzi che hanno già vissuto questa esperienza.